Sie surfen mit einem veralteten Browser!

Es kann sein, dass Ihr Browser unsere Webseite nicht korrekt darstellen kann.
Um die Webseite optimal betrachten und nutzen zu können, sollten Sie einen aktuellen Browser nutzen.

Categorie di prodotti

Nessun settore è al riparo dalla contraffazione e dalla pirateria. I truffatori copiano di tutto: medicinali, pezzi di ricambio, CD, DVD, generi alimentari, cosmetici e molto altro.

In queste pagine troverai informazioni supplementari, suddivise per categoria di prodotto.

Acquistare medicinali da siti Internet sospetti è un po’ come giocare alla roulette russa. In gioco metti la tua salute; nel peggiore dei casi, la tua vita. Le contraffazioni possono presentare dosaggi eccessivi oppure insufficienti, o essere addirittura contaminate. Spesso, il pericolo sta nel fatto che dei principi attivi necessari proprio non c’è traccia. Al loro posto troviamo cellulosa o insetticidi che, inutile dirlo, non c’entrano proprio nulla. Anche se pubblicizzati come “rimedi naturali, puramente vegetali”, questi farmaci possono contenere principi attivi sintetici, talvolta tossici e non autorizzati in Svizzera.

“Medicamenti e Internet”: una guida pubblicata da Swissmedic
Informazioni di Interpharma sui medicinali contraffatti (in tedesco e francese)
Dossier tematico di Interpharma sui medicinali contraffatti (in tedesco e francese)

Nei media digitali il diritto d’autore è di importanza capitale. In Internet spesso si utilizzano creazioni altrui, senza troppo riflettere: si abbellisce il proprio sito con foto scattate da altri, si scaricano software o si mettono i propri file musicali a disposizione di chiunque. Per gli artisti e i programmatori, ciò comporta perdite finanziarie, poiché gli utenti si servono del loro lavoro senza pagare un bel nulla.

Alleanza Svizzera contro la pirateria su Internet (informazioni in tedesco e francese)
Associazione svizzera per la lotta alla pirateria (informazioni in tedesco e francese)
“Diritto d’autore e diritti di protezione affini”: un opuscolo pubblicato dall’Istituto Federale della Proprietà Intellettuale

L’industria orologiera elvetica è molto forte. Conosciuti e ricercati ovunque, i suoi prodotti sono uno dei fiori all’occhiello dell’industria svizzera. Clienti del mondo intero si fidano dello “Swiss made” e dei suoi marchi rinomati. L’abuso dell’indicazione di provenienza o di questi nomi indebolisce non solo i titolari dei rispettivi diritti, ma nuoce anche alla fama di cui gode l’intero paese come produttore di articoli di qualità. Il prezzo è altissimo, poiché comporta una perdita di posti di lavoro e mette in pericolo l’esistenza di molte imprese, piccole e grandi. Non è tutto oro ciò che luccica: una regola che vale per le bancarelle del mercatino, ma anche per Internet. Se poi consideriamo la scadentissima qualità delle contraffazioni, la cifra spesa per il “buon affare” si rivela spesso veramente eccessiva.

“Vero, falso o falsificato?”: un opuscolo pubblicato dall’Amministrazione federale delle dogane (Servizio di controllo dei metalli preziosi)
Servizio di controllo dei metalli preziosi dell’Amministrazione federale delle dogane
L’Amministrazione federale delle dogane informa sull’importazione di orologi, gioielli e metalli preziosi

Nel commercio degli oggetti di lusso, l’esclusività è decisiva. Per diffondere i loro marchi, i fabbricanti investono moltissimo nel marketing e nella pubblicità. È d’altronde per questa ragione che i vestiti e gli accessori di grandi firme sono molto ambiti. Chi si agghinda con un’imitazione scadente non reca danno solo alla marca, ma anche ai suoi impiegati e ai suoi fornitori. Secondo l’Interpol, inoltre, i guadagni ottenuti con il commercio di contraffazioni sono spesso utilizzati per finanziare altre attività illegali: commercio di stupefacenti, tratta di esseri umani e rapine. 

Studio di caso „Lacoste“ (in tedesco o francese

I fumatori che si fanno tentare dalle sigarette contraffatte si trovano spesso tra le mani un prodotto che non soddisfa le loro attese. Effettivamente i produttori legali devono rispettare rigorosi criteri di qualità e regolamentazioni severe. Ai contraffattori non importa cosa c’è nel prodotto e durante la produzione non si curano dell’igiene necessaria. Il commercio illegale di sigarette contraffatte è un problema che si sta diffondendo a macchia d’olio a livello internazionale: danneggia i consumatori, l’industria e il commercio, si traduce in importanti perdite fiscali per lo Stato e sostiene la criminalità organizzata. Scoprite cosa c’è dietro il commercio illegale di tabacco (in francese).

In questo settore gli scandali si fanno sempre più frequenti. I truffatori che copiano i marchi conosciuti utilizzano materie prime scadenti e lavorano senza alcun controllo, né igienico né di qualità. Il commercio di generi alimentari contraffatti o adulterati è lucrativo e il crimine organizzato intrallazza a tutto andare lungo l’intera catena di produzione, dall’agricoltura alla lavorazione, dal confezionamento allo smercio.

Il cioccolato e altri generi alimentari di produzione svizzera sono apprezzati in tutto il mondo. Chi acquista ad esempio un Toblerone dà fiducia al nome del suo fabbricante e si attende di assaporare l’articolo originale. Il Toblerone sudamericano, il formaggio gruviera dall‘India o l’aceto balsamico di Modena di provenienza asiatica recano danno all’economia e mettono in pericolo la salute dei consumatori.

Metteresti piede su un aereo riparato con pezzi di ricambio falsi? Monteresti sulla tua auto pneumatici da neve non collaudati? Anche se può sembrare assurdo e improbabile, oggi questo tipo di articoli è sempre più spesso oggetto di contraffazione. Con interruttori, seghe circolari o airbag taroccati, il pericolo è dietro l’angolo. Chi produce e mette in circolazione imitazioni, ovviamente, agisce in modo anonimo e si sottrae a qualsiasi forma di controllo, anche per questo tipo di oggetti. Gli acquirenti si illudono di essere al sicuro da qualsiasi pericolo e i nomi di fabbricanti riconosciuti sono utilizzati abusivamente per vendere articoli scadenti e pericolosi.

Quello dei falsi è un commercio assai lucrativo, che reca danno non solo agli artisti e ai collezionisti, ma anche alla collettività, poiché riesce a insinuarsi fin nei musei pubblici. In questo modo, il crimine organizzato guadagna ogni anno diversi miliardi di franchi su scala mondiale. La vasta diffusione dei falsi è favorita da diversi fenomeni: l’internazionalizzazione del mercato dell’arte, i ridottissimi costi di fabbricazione, il rincaro dei prezzi degli originali e Internet.


Association des Ayants Droit d'Artistes Décorateurs et Designers, (AADADD)
International Union of Modern and Contemporary Masters (IUMCM)
Falzum STOP